In libreria

Il ritorno di Tristram Shandy

Finalmente è entrato nei «Meridiani» Mondadori il Tristram Shandy di Laurence Sterne, nella nuova edizione a cura di Flavio Gregori tradotta da Flavia Marenco de Steinkühl.

Su “L’Indice dei Libri del Mese” di gennaio 2017, Giuseppe Sertoli ha sottolineato le differenze con la più nota traduzione precedente di Antonio Meo, che risale al 1958.… [ Va' avanti ]

Da Napoli al Cairo: Elena Ferrante in arabo

Grazie a Chiara Comito e a Internazionale, scopriamo che L’amica geniale di Elena Ferrante è stato tradotto in arabo da Muauia Abdelmagid e pubblicato dalla casa editrice libanese Dar al Adab. La bravura della traduttrice ha avuto modo di dispiegarsi pienamente: il microcosmo napoletano è stato adattato a quello del Cairo, con la difficoltà di rendere anche vari termini d’uso figurato, come il concetto-chiave “smarginatura”.[ Va' avanti ]

Finnegans Wake in italiano

finnegans_wake_terrinoni_pedoneFinalmente è pronta la grande impresa di Enrico Terrinoni e Fabio Pedone, il terzo volume di Finnegans Wake di James Joyce (Mondadori). «Ci sono voluti quasi tre anni, cinque ore al giorno, per tradurre 70 pagine che, si fosse trattato di un testo qualunque, avrebbero richiesto sette giorni di lavoro» ha dichiarato Terrinoni.… [ Va' avanti ]

Amitav Ghosh e la barca di Babele

Su Nazione Indiana, Anna Nadotti racconta come ha affrontato il mondo narrativo di Amitav Ghosh, in opere di cui è protagonista la lingua, in un’audace quanto documentata babele linguistica. «Per tradurre il nuovo romanzo di Ghosh avrei dovuto affrontare la questione di un italiano meticcio, scegliere fra regionalismi che non amo e una lingua sporcata da un uso inedito».… [ Va' avanti ]

Vittorio Sermonti, traduttore

Fra le molteplici attività di Vittorio Sermonti c’è stata anche quella di traduttore di classici (le Metamorfosi di Ovidio e l’Eneide), con un approccio non comune. È l’occasione per rileggere un estratto dell’introduzione alle Metamorfosi (uscite nel 2014 per Rizzoli).… [ Va' avanti ]

I vincitori del premio Stendhal 2016

tram83_diez

Sono stati proclamati i vincitori della prima edizione del Premio Stendhal, organizzato dall’Ambasciata di Francia in Italia e dall’Institut Français Italia e sostenuto dalla Fondazione Nuovi Mecenati. Giovanni Bogliolo si aggiudica il premio per Germinal di Emile Zola (Meridani Mondadori, contenuto nel vol. 3); Camilla Diez la menzione «giovane» sotto i 35 anni per Tram 83, di Fiston Mwanza Mujila (Nottetempo); Alessandro Giarda una menzione speciale per Un barbaro in Asia di Henri Michaux (O barra O).… [ Va' avanti ]

Tutti passano per l’inglese

«Fare cultura oggi in Italia significa in larghissima misura fare da mediatori, spiegatori, diffusori, traduttori, di cultura prodotta in inglese.» In La cultura in trasformazione (a cura di cheFare, minimum fax), Vincenzo Latronico riflette sulla pervasività anglosassone nel nostro mondo. L’intervento è lungo e merita di essere letto con calma.… [ Va' avanti ]

I finalisti del Premio Babel-Booksinitaly 2016

salvatore_corbiere

I finalisti del Premio Babel – BooksinItaly 2016 per un giovane traduttore letterario italiano meritevole di attenzione sono i traduttori delle tre opere che vedete qui accanto (dall’olandese, dal francese e dal portoghese). In ordine:

Stefano Musilli (L’autistico e il piccione viaggiatore di Rodaan Al Galidi, ed. Il Sirente), Luca Salvatore (Gli Amori gialli di Tristan Corbière, Arcipelago) e Marta Silvetti (La bambola di Kokoschka di Afonso Cruz, La nuova frontiera).… [ Va' avanti ]

Collodi e Le Fate che appaiono all’improvviso

Illustrazione di Giuliano Ferri per l'edizione Gallucci del 2013

Illustrazione di Giuliano Ferri per l’edizione Gallucci del 2013

Sulla Domenica del Sole 24 ore, Daniela Marcheschi ripercorre la storia dei Racconti delle Fate di Perrault, Mme d’Aulnoy e Mme Leprince de Beaumont tradotti da Carlo Collodi. Come mai un racconto assente nella prima raccolta riappare magicamente molti anni dopo, nel 1944?… [ Va' avanti ]