Author Archive for Damiano Latella

Di stelle e apribottiglie

Sul “Magazine” di minimum fax, Roberto Serrai racconta alcune delle numerose suggestioni che lo hanno guidato nel rendere in italiano Country Dark di Chris Offutt. Si parla di stelle, di filosofia… ma anche di come aprire bottiglie e lattine.… [ Va' avanti ]

Ripartire dai classici

Illustrazione di Cleon Peterson contenuta nel volume

Bentornati! Riprendiamo a parlare di traduzione partendo doverosamente dal classico dei classici: la nuova versione dell’Iliade a cura di Franco Ferrari (Oscar Classici Mondadori). Un’impresa filologica di ricomposizione del testo originale e di «travestimento dell’esametro», con scelte metriche precise. Lo si spiega qui, con due brevi passi dal libro XXII: Ettore e Achille in combattimento e Andromaca che attende invano.… [ Va' avanti ]

Quel di più di spontaneità

La-lingua-e-unorchestra_CP-350x492Su Alfabeta2, Franca Cavagnoli recensisce La lingua è un’orchestra di Mariarosa Bricchi (il Saggiatore).
Un saggio che contiene «una opportuna riflessione su errori e devianze dalla norma, e su come evitarli, ma anche su come vederli non simili a nemici bensì possibili alleati per dare alla frase che si sta traducendo – o scrivendo o a cui si fa l’editing – quel di più di spontaneità e di brio.»… [ Va' avanti ]

Chiedere aiuto (ai colleghi o all’autore)

help

Su Il Bo, il magazine dell’Università di Padova, due diversi modi di chiedere aiuto: quello di Monica Pareschi ai colleghi (direttamente via Facebook), su stoffe e macelleria, e quello di Susanna Basso agli autori (non direttamente, ma attraverso la redazione della casa editrice).… [ Va' avanti ]

Festival di poesia “La punta della lingua” (Ancona, 2-8/7)

È in corso ad Ancona La Punta della Lingua, festival dedicato alla poesia. Mercoledì 4 alle 18.45 tocca alla Romania con Ana Blandiana (alla traduzione Bruno Mazzoni); domenica 8 alle 21 si sfidano idealmente i due grandi cileni: Valerio Nardoni sosterrà Pablo Neruda, mentre Stefano Bernardinelli tiferà per Nicanor Parra.… [ Va' avanti ]

Una lunga strada editoriale: La famiglia Aubrey di Rebecca West

“Il blog di Stoner”, lo spazio di Fazi editore, dà la parola a Francesca Frigerio, traduttrice di La famiglia Aubrey di Rebecca West. Ne esisteva una vecchia versione italiana del 1958 (ahimè, con tagli), poi la nuova traduzione della stessa Frigerio per Mattioli 1885, infine rivista e ora pubblicata da Fazi.… [ Va' avanti ]

Braccare le parole

Il Mulino ha da poco pubblicato La parola braccata, saggio in cui Valerio Magrelli esplora il processo traduttorio e i meccanismi della poesia. Su Le parole e le cose trovate un estratto dal capitolo dedicato all’acrostico; su Doppiozero, invece, la recensione di Franco Nasi.… [ Va' avanti ]

Una lingua troppo chic

chicSiamo perplessi dopo aver letto l’intervento di Tiziano Scarpa su Il primo amore, che se la prende con le redazioni che nobilitano il lessico e rifuggono dalla volgarità. Non ci sembra che la lingua letteraria italiana soffra di eccessivo perbenismo. Semmai il contrario, è il registro alto a soffrire…
(Controprova che ci è capitata sotto gli occhi: la parola con la s citata da Scarpa è tranquillamente impiegata da Bruno Arpaia nella traduzione di Anni lenti di Fernando Aramburu per Guanda, un libro che non indulge certo al turpiloquio.)… [ Va' avanti ]