Claudia Zonghetti e il traduttore non trasparente

roma_giornatetradSu Domenica del Sole 24 Ore, un estratto in anteprima del discorso che Claudia Zonghetti terrà sabato 30 settembre alle Giornate della Traduzione Letteraria, in occasione del conferimento del Premio Enriques.
«Chi traduce non è per nulla trasparente. […] Chi traduce osserva, ascolta, studia una scrittura che non gli appartiene, la lascia passare attraverso le proprie competenze e il proprio talento di esploratore di compromessi e la restituisce, poi, a chi legge.»… [ Va' avanti ]

Parole nella polvere: un lavoro di squadra

Uno dei casi più ingarbugliati che abbiamo letto: un libro dall’irlandese, tre traduzioni inglesi intermedie e quattro traduttori coinvolti (Luisa Anzolin, Laura Macedonio, Vincenzo Perna e Thais Siciliano). Paola Quarantelli, caporedattrice di Lindau, racconta sul blog della casa editrice come si è districata per coordinare il lavoro editoriale su Parole nella polvere di Máirtín Ó Cadhain.… [ Va' avanti ]

Mallarmé e la duplicità semantica della poesia

Su L’Indice dei Libri del Mese di settembre, Chetro De Carolis, traduttrice delle Poesie di Stéphane Mallarmé (Marsilio), presenta il suo lavoro. I versi di Mallarmé sono irti di difficoltà: dal metro (reso con il martelliano) al ritmo, dai termini inusitati alla straordinaria ricchezza polisemica del francese. Pensée si riferisce al pensiero, certo, ma potrebbe riferirsi anche al fiore?… [ Va' avanti ]

Il visibile e l’invisibile: Isabella Zani e Il collezionista di conchiglie

Su Cattedrale, Rossella Milone ha intervistato Isabella Zani a proposito della sua traduzione, in coppia con Daniele A. Gewurz, degli otto racconti che compongono “Il collezionista di conchiglie” di Anthony Doerr (Rizzoli).
«Il visibile e l’invisibile si ricavano insieme tramite l’atto stesso del tradurre, che è (quasi) simultaneamente lettura e comprensione dell’originale».… [ Va' avanti ]